+39 0422 433 000     |     Lavora con noi      Area clienti     |    
Indietro
  • 09 Feb 2018

[Il Marketing Del Packaging] Cosa considerare quando vendi online

 

Ormai lo abbiamo capito, per vendere dobbiamo “colpire” i nostri clienti e il miglior modo per farlo è attraverso il pack del prodotto.

Anche tu ti sarai rivolto almeno una volta ad uno studio grafico per studiare il miglior “vestito” possibile per il tuo prodotto, di fatto se ci pensi gli studi grafici sono gli “stilisti” che vestono i tuoi prodotti con delle etichette uniche.

Ciò che devi tenere in considerazione però è che il mondo si sta evolvendo, sempre di più il mondo virtuale e la realtà si stanno mescolando.

Ti porto un esempio semplice: fino a qualche anno fa potevi vedere una netta differenza tra Walmart, famosa catena di supermercati statunitense, e Amazon, il primo leader indiscusso  del mercato reale, il secondo del mercato virtuale, ma con l’avvento degli smartphone tutto è cambiato, ci si è trovati di fronte a qualcosa di nuovo: i due mondi hanno iniziato a unirsi.

In breve: Amazon ha aperto negozi fisici e Walmart ha avviato vendite online.

Ma a cosa mi è servito portarti questo esempio? Semplice, voglio farti capire che il pack del tuo prodotto non deve essere studiato solo per attirare l’attenzione del tuo prodotto sullo scaffale, ma deve anche essere in grado di catturare la vista degli utenti online.

Come detto ormai il mercato si muove su due linee parallele, tra mercato fisico e mercato digitale, questo è uno dei motivi che spesso spinge al restyling del packaging che può portare ad un sensibile aumento delle vendite.

Sembra strano, lo ammetto, ma se ci pensi il design dei prodotti fino a poco tempo fa veniva studiato unicamente per attrarre possibili clienti in negozio, ma come detto con l’avvento delle nuove tecnologie anche una piccola modifica all’aspetto del tuo prodotto può cambiarne sostanzialmente la percezione online e non.

Quali elementi deve considerare chi sviluppa il pack di un prodotto che venderà online?

Il vero problema è quello di dare “appeal” a un prodotto che non si trovi solo su uno scaffale, ma anche online, compito sicuramente non facile vista la mancanza di sensi a cui puntare se non la vista.

Ricordati innanzitutto che ognuno dei tuoi prodotti può essere rappresentato singolarmente o come parte di una gamma più ampia, in questo caso dovrai tenere a mente che dare una linea coerente tra i prodotti della linea così da rafforzare il senso di appartenenza ad una comunità del cliente.

Non dimenticare però che l’etichetta del tuo prodotto, nonostante non possa esprimersi al 100% in quanto limitata alla sola vista, può comunque catturare l’attenzione se scegli di utilizzare lavorazioni particolari, l’oro liquido sulla tua etichetta, ad esempio, nonostante fortemente limitato dallo schermo del pc comunicherà comunque che il tuo è un prodotto Premium.

Un packaging “Mobile Friendly”

Dal 2016 il traffico di utenti che navigano attraverso lo smartphone ha superato quello degli utenti che navigano dal computer di casa.

Nel 2018 oltre il 50% degli utenti utilizza il mobile durante tutto il ciclo di acquisto e questa percentuale è destinata a crescere.

Questo comporta che cambia anche il modo in cui un prodotto deve essere “esposto”, in quanto lo spazio che ha a disposizione si è ridotto a meno di 5 cm.

Ma allora è solo una questione estetica?

Assolutamente no, perché anche se online la percezione della qualità del prodotto è fortemente limitata alla sola vista, arriva il momento in cui questo arriva nelle mani del tuo cliente, che in una frazione di secondo metterà a confronto le sue aspettative corrispondono a quanto ha in mano.

Certo, ormai l’acquisto è stato compiuto, ma se nel punto vendita il tuo potenziale cliente decide sul momento se acquistare o meno, tenendo anche in considerazione la qualità del packaging (e quindi acquistando principalmente prodotti che lo attraggono), chi acquista online ha delle aspettative molto più alte rispetto a quanto riceverà. Tali aspettative possono essere confermate oppure no, e in tal caso, la possibilità che la sua delusione si trasformi in una recensione negativa (registrata sullo store online) e pregiudicare future vendite.

Riepilogando:

  • Non si può più pensare al packaging di un prodotto come elemento che lo valorizzerà in uno store;
  • Il pack dei prodotti online si focalizza sull’aspetto visivo;
  • Le immagini che utilizzerai devono essere studiate per risultare significative anche su schermi di uno smartphone

Spero che questo articolo ti sia piaciuto, se hai piacere iscriviti alla newsletter per rimanere aggiornato e se stai per stampare le tue etichette, non esitare a chiamarci.

Share